AGENDA SETTIMANALE

Se dovessimo tornare a fare DaD potrebbe essere utile condividere con le colleghe di team e i propri studenti un’agenda settimanale che permetta ai bambini di organizzare al meglio il lavoro giornaliero.

Schermata 2020-07-21 alle 23.54.23

Durante la DaD alcuni dei nostri studenti eseguivano tutto il lavoro della settimana il giorno stesso in cui veniva assegnato, altri lo svolgevano interamente  al sabato e domenica, quando i genitori erano in riposo dal lavoro (e dunque rovinando il week end a tutta la famiglia), altri ancora ne facevano un pezzo oggi un pezzo domani pensando di riuscire a finire in tempo senza però fare bene i calcoli e dunque arrivavano poi a non concludere tutto entro la data di consegna.

L’anno scorso ho trovato utile organizzare il lavoro offrendo ai bambini la possibilità di scegliere gli esercizi da svolgere attraverso le Choice Board o la Tic tac TOE Board.  Restava però una pianificazione del lavoro legata soprattutto alla singola disciplina o insegnante.

Ho capito che  l’utilizzo di un’agenda condivisa da parte di tutte le maestre della classe, una sorta di diario scolastico virtuale, sul quale lo studente trovi il lavoro giornaliero di tutte le discipline, sia ancora più semplice ed efficace. L’agenda settimanale può aiutare lo studente a monitorare il procedere delle attività in modo da arrivare a fine giornata e settimana con tutto eseguito.

Nel sito slidemania si possono scaricare bellissimi template (versione google slide o power Point ma tutti in lingua inglese).

Ho deciso di tradurre in italiano i due modelli che ho trovato più interessanti. Cliccando sui link o sulle immagini si salveranno in automatico nel vostro drive in versione google slide e potranno essere scaricati successivamente sul computer in powerpoint seguendo queste indicazioni:

Schermata 2020-07-22 alle 00.54.07

Il primo modello, dell’insegnante americana Pam Hyer, mi piace molto perché utilizza i colori rainbow e ha una sezione per la “TO DO LIST”. La slide con etichetta “specialità” non saprei a che cosa possa essere utile…magari potete suggerirmelo voi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Il secondo modello offre quattro slide per ogni giorno, utilizzabili, ad esempio, per la spiegazione di 4 attività (o 4 lezioni di discipline diverse, o modificando la presentazione a seconda delle proprie esigenze,  si possono aggiungere anche più di 4 slide per giorno). Nella presentazione è inserito un video che mostra come sia facile navigare tra i contenuti della presentazione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’agenda settimanale potrebbe essere utile anche durante la normale scuola in presenza, per condividere con i bambini contenuti extra o per mantenere attive quelle competenze digitali che abbiamo coltivato in tempo di quarantena. In caso di DaD invece l’agenda può essere allegata alla Classroom, al registro elettronico, inviare per mail o tramite messaggio ai nostri allievi e il gioco è fatto!

AMORE A DISTANZA DI SICUREZZA

Stiamo allestendo le classi della scuola in modo da rispettare le indicazioni:

  • 1 metro di distanza tra i banchi
  • 2 metri tra la maestra e i bambini al primo banco

Schermata 2020-07-11 alle 17.32.34

Dividere i banchi, mantenere le distanze significa anche rivedere la didattica. Il setting d’aula era pensato e indirizzato ad incoraggiare attività di tipo collaborativo, ora si torna alle aule con il setting della lezione frontale a cui non sono abituata. Mi sembra di tornare indietro nel tempo di 50 anni. Questa diventerà una nuova sfida per reinventare  un nuovo modo di insegnare nonostante le imposizioni dettate dall’emergenza covid e non tornare a quella didattica frontale che con fatica ci siamo lasciate dietro le spalle.

Per ora pensiamo allo spazio e alla sicurezza.

Useremo i colori per distinguere le quattro uscite della scuola e le classi ad esse associate. Avremo così classi gialle, blu, arancioni e verdi in cui le sedie e le porte riprenderanno quel colore. Le tre regole: distanziamento, mascherina e igienizzazione delle mani saranno presenti in ogni aula con cartelli del colore corrispondente.

Ringrazio la maestra Larissa per aver condiviso su Facebook i suoi bellissimi cartelli delle 5 regole per il rientro a scuola da cui ho preso spunto per creare quelli che a me servivano. Lascio a disposizione il file modificabile dei cartelli che vedete qui sotto (cliccando qui o sull’immagine potrete copiarli direttamente nel vostro drive).

Le classi saranno divise con colori diversi, ripresi anche dalla segnaletica su pavimento e muri, per aiutare i bambini a capire come muoversi nei corridoi e durante l’intervallo. Cliccando sull’immagine o sul testo è possibile copiare gratuitamente sul proprio drive il file modificabile.

Schermata 2020-07-11 alle 17.13.56

Useremo nastro adesivo per pavimenti per creare nei corridoi una scacchiera con quadrati di 1 metro di lato. La scacchiera sarà il riferimento per mettersi in fila, per fare l’intervallo e divertirsi con un po’ di giochi di movimento e per lavorare in coppia o a piccolo gruppo pur restando a distanza di sicurezza.

Schermata 2020-07-11 alle 12.52.34

In attesa delle future disposizioni per capire come procedere ad organizzare orari e lezioni, siamo pronte a reinventarci ancora una volta, a tempo record, nel migliore dei modi sapendo che alla fine, nel nostro lavoro, ciò che davvero fa la differenza sono le maestre. E ciò che fa la differenza nelle maestre è l’amore che ci mettono in quello che fanno.

created_image_1593538437694

 

RISORSE PER LA DAD – DDI

Sto tirando le somme del mio aggiornamento annuale fatto di corsi, libri e risorse trovate nel web. Quest’anno mi sono armata di buoni propositi di riordino perciò sto raccogliendo in fogli di calcolo tutte le risorse che ho imparato ad usare o di cui sono a conoscenza per ritrovarle facilmente a settembre. Mi sento un animale che sta preparando la sua tana piena di scorte per andare in letargo senza preoccupazioni.

Cliccando qui o sulla foto potete copiare gratuitamente nel vostro google drive la mia raccolta di risorse tecnologiche utili per la didattica a distanza e poi crearne una vostra con il mio tutorial.

 

Schermata 2020-07-04 alle 22.33.08

 

Ecco come faccio.

Sul mio quaderno preparo un piano di suddivisione del materiale in modo che sia funzionale al lavoro e svelto da ritrovare quando ne ho bisogno.

IMG_20200704_123045

Sul mio google drive entro nella cartella in cui voglio creare il documento.

Schermata 2020-07-04 alle 11.35.24
Creo un nuovo foglio di calcolo – pulsante dx mouse
Schermata 2020-07-04 alle 11.36.10
Rinomino il file

 

Nel foglio di calcolo creo tanti fogli quante sono le sezioni di cui ho bisogno e poi inserisco i titoli e i colori.

Schermata 2020-07-04 alle 11.37.40
Cliccando sul + si aggiungono fogli
Schermata 2020-07-04 alle 11.37.08
Inserisco i tutoli e coloro la riga

Schermata 2020-07-04 alle 11.38.11

 

 

Infine rinomino i fogli e coloro l’etichetta con lo stesso colore  utilizzato nella riga del titolo per ritrovare tutto facilmente.

 

L’effetto arcobaleno che si ottiene utilizzando la palette è molto carino.

 

Nel caso i fogli fossero molti, si può utilizzare lo strumento menu in basso a sinistra per aprire l’intero elenco dei fogli contenuti nel documento e avere una visione d’insieme.

ultima

La vostra biblioteca di strumenti adesso è pronta. Un’ottima idea è lavorarci in condivisione con i colleghi per arricchirla e migliorarla nel tempo.

 

LA CAPSULA DEL TEMPO

“Quando tutto questo sarà finito avrò imparato che ci si può divertire anche solo facendo una passeggiata” (Andrea)

Se siete alla ricerca di una bella e significativa attività per concludere l’anno scolastico vi consiglio di provare l’esperienza della “Capsula del tempo” a testimonianza di questo indimenticabile momento storico.

Diapositiva1

Ispirata dalla bellissima proposta “Diario dei giorni speciali” della maestra Larissa, ho proposto ai miei allievi di costruire in due settimane la loro capsula del tempo.

Ho chiesto loro di utilizzare i materiali e le forme che preferissero per realizzare il contenitore in cui inserire oggetti, documenti e testi che rappresentassero meglio la loro vita ai tempi del coronavirus. La capsula doveva essere concepita per durare nel tempo e per essere lasciata come ricordo a quegli adulti che i nostri allievi diventeranno.

Questo slideshow richiede JavaScript.

I bambini hanno realizzato capsule di tutti i tipi: alcuni hanno plastificato l’intero lavoro per renderlo duraturo, altri hanno decorato delle scatole, altri hanno creato un’enorme busta da lettera indirizzata al se stesso del futuro, altri hanno fatto un enorme poster o lapbook, insomma hanno scatenato la loro creatività e fatto un profondo percorso di riflessione sulle proprie emozioni.

Si sono organizzate delle video-lezioni apposite per la presentazione dei progetti, nelle quali ogni bambino ha letto ciò che ha scritto (le proprie lettere, l’intervista ai genitori, etc) e ha mostrato gli oggetti che aveva deciso di mettere nella capsula spiegandone il perché.

Nelle capsule i bambini hanno inserito i loro desideri, hanno scritto le cose a cui hanno dovuto rinunciare e le speranze che custodiscono nel cuore. Sono stati dei momenti estremamente commoventi. Ne siamo usciti tutti molto arricchiti.

Ho pianto e riso e sono stata molto orgogliosa dei piccoli grandi insegnamenti che i miei allievi sanno sempre darmi.

VIDEOLEZIONI DIVERTENTI

Per rendere gli incontri in video-lezione più divertenti e fare in modo che i bambini siano impazienti di parteciparvi, possiamo dare un tema ad ogni incontro, organizzando altresì un breve gioco. Ve ne propongo alcuni.

foto temi e giochi blu

VIDEO-LEZIONI A TEMA

Chiedete ai bambini di andare a cercare in casa quello che trovano o di creare i loro costumi con materiale di recupero per degli incontri a tema. Per chi insegna lingua straniera è un ottimo modo per ripassare l’abbigliamento.

  • Cappelli pazzi – Crazy hats
  • Calzini pazzi – Crazy socks
  • Occhiali pazzi – Crazy glasses
  • Vestiti eleganti – Elegant Clothes
  • Capelli pazzi – Crazy hair
  • Pigiama party – Pyjamas party
  • Ciabatte pazze – Crazy slippers
  • Giornata al contrario – Upside down day
  • Il mio animale domestico – Pets day
  • I miei fratelli – Siblings day
  • Talent show

In questo modo risulta più divertente prepararsi per l’incontro ed è una bella sorpresa vedere come si presentano compagni e maestre. Iniziare le nostre chiacchierate con il sorriso serve per creare un clima sereno e rilassato. Quando tutti gli alunni sono nel meet si può scattare una foto ricordo che servirà poi per premiare il più stravagante.

VIDEO-GIOCHI

Organizzare un momento di ripasso attraverso un gioco può rendere la lezione accattivante e i bambini desiderosi di esserci.

Questi giochi possono essere utili per ripassare i vocaboli di lingua inglese, ma, con un po’ di fantasia, possono essere adattati a qualsiasi disciplina.

  1. Caccia al tesoro:  chiedete ai bambini di andare nelle varie stanze della casa a prendere degli oggetti da mostrare. Se siete insegnanti di lingua inglese è un modo divertente per ripassare o imparare il lessico relativo alla casa (oggetti, stanze, arredamento), colori, numeri, forme, cibo, ecc. Infine i bambini spiegheranno cosa hanno trovato (show and tell).
  2. Zoom in: preparate delle foto molto ravvicinate di oggetti che avete in casa (o che trovate su internet) e poi dell’oggetto intero. Nella foto ravvicinata l’oggetto non sarà immediatamente riconoscibile. I bambini dovranno fare tante domande per avere indizi sufficienti ad indovinare di che oggetto si tratti. Anche questo gioco può essere utile per ripassare in lingua inglese come fare domande, ad esempio “Is it in the kitchen?” , “Is it big?” “Is it white?” e così via.
  3. Magic bag: simile al gioco precedente ma si fa con una borsa piena di oggetti che gli allievi devono indovinare ponendo domande. Si può chiedere anche agli studenti di preparare la borsa magica e di condurre il gioco. Invece di porre le domande dovranno rispondere a quelle dei compagni.
  4. Pet day: ogni bambino porterà in video-lezione il proprio animale domestico o di stoffa per descriverlo ai compagni
  5. Siblings day: ogni bambino porterà in video-lezione il proprio fratello o sorella per descriverlo ai compagni, chi fosse figlio unico può invitare i propri genitori
  6. Nomi-città-animali: preparare una ruota da far girare contenente le lettere dell’alfabeto (uno tra i tanti siti che permettono di creare una spinning wheel è Wheeldecide), chiedete ai bambini di preparare la tabella del gioco su un foglio di carta, fate girare la ruota e se volete fate partire il tempo utilizzando un timer da cucina o uno online (potete andare su Svegliaonline ad esempio), infine assegnate il punteggio. E’ un ottimo modo per ripassare i vocaboli per categorie.

DaD e la PROGETTAZIONE SETTIMANALE

In questi mesi di didattica a distanza per almeno tre volte ho dovuto cambiare il modo di progettare le lezioni settimanali prima di riuscire a capire quale fosse la maniera più adatta alle mie esigenze, quelle dei miei allievi e delle loro famiglie.

Ho cercato esempi di buone pratiche in giro per il mondo per capire se qualche insegnante avesse scoperto la formula magica e alla fine, in alcune docenti americane, ho trovato quegli esempi e quelle testimonianze che mi hanno rivelato la direzione da seguire per risolvere le mie necessità primarie, ovvero:

– dare poche e semplici indicazioni

– evitare la dispersione delle attività in molti file, foto, video ecc

– fornire attività flessibili e divertenti

CHOICE BOARD

Guardate l’esempio della maestra americana Adrian Illyes per la sua classe quinta.

Schermata 2020-05-10 alle 06.36.10

Ogni settimana molti insegnanti americani inviano agli studenti un unico documento, simile a questo, in cui sono incluse tutte le attività di tutte le materie. Nella parte centrale vengono date le istruzioni. Mentre i ragazzi procedono con le attività devono colorare le caselle già eseguite. Alla fine della settimana dovranno risultare tutte colorate.

week plan ita image

Trovo che questo sistema sia di grande aiuto per le famiglie che devono spesso destreggiarsi tra piatteforme, registro elettronico, link ai vari materiali, libri di testo, whatsapp e magari tutto questo moltiplicato per il numero di figli. Con questa tabella invece l’intero lavoro di organizzazione settimanale è già fatto, pronto per essere utilizzato. Le attività proposte sono flessibili e ogni studente può adattarle alle proprie capacità, tempi e gusti, ma soprattutto non manca mai il momento di condivisione e di divertimento.

TIC-TAC-TOE BOARD

Nelle scuole italiane ogni insegnante ha le sue discipline di insegnamento e non sempre è possibile organizzare in un unico documento, di settimana in settimana, il lavoro di tutti i docenti.

Vi propongo qui una modalità di programmazione settimanale da utilizzare per le singole discipline garantendo agli allievi la possibilità di scegliere, in un ventaglio di possibilità, quelle che meglio si adattano alle loro attitudini.

Stabilito l’argomento della disciplina lo si inserisce nella casella centrale n.5. In base all’obiettivo si inseriscono varie attività negli agli altri riquadri e si chiede agli studenti di sceglierne altre due per fare TRIS. Per rendere le attività ancora più inclusive si devono prevedere modalità di svolgimento offline e online.

Ecco un esempio per usare Tic-tac-toe interdisciplinare per attività di ripasso (puoi scaricare il template modificabile cliccando qui).

Tic Tac Toe Template attività di ripasso italiano

Un altro modo per usare questa tabella (da https://shakeuplearning.com) è chiedere agli allievi di svolgere le attività che preferiscono tra quelle proposte purché alla fine della settimana abbiano accumulato 100 punti. In questo caso si deve consigliare di completare almeno un quadrato al giorno. Per rendere le attività ancora più inclusive si devono prevedere modalità di svolgimento offline e online. E’ possibile scaricare il template vuoto pronto per essere riempito con vostre attività.

tictactoe vuoto

Se avete bisogno di ispirazione vi propongo la traduzione di un Tic-tac-toe sul Linguaggio figurativo. Questa attività potrebbe essere adatta alla scuola secondaria di primo o secondo grado, ma con le dovute semplificazioni potrebbe essere un’idea utile anche per la scuola primaria.

tictactoe linguaggio figurativo