PROGETTARE VIDEOGIOCHI

Alcuni anni fa ho fatto un corso di formazione con Beppe Masengo, http://www.steadycamoff.it e da quel momento ho riproposto questa attività sui videogiochi a tutte le classi quarte e quinte a cui ho insegnato.

Conoscete il mondo dei videogiochi? No?

Bene forse è il momento di mettervi alla prova in un campo in cui i vostri allievi sono gli esperti.

Il mondo dei videogiochi è diviso in generi. Proprio come i generi testuali anche i videogiochi si dividono in diverse categorie a seconda della storia che raccontano e dalla struttura testuale che hanno. I vostri alunni li conosceranno benissimo e voi, sfruttando le loro conoscenze, potrete lavorare sulle caratteristiche dei testi presenti nei videogiochi.

Ci sono generi di videogiochi con una storia fatta di personaggi con caratteristiche ben precise, con antagonisti che ostacolano la missione del protagonista e aiutanti che cercano di aiutarlo a raggiungere l’obiettivo prefissato. Per approfondire: https://lanicchiadikiral.blogspot.com/2018/02/tutti-i-generi-di-videogiochi.html

Una volta sviscerata la struttura fondamentale dei generi di videogioco e deciso lo scenario su cui costruire la storia (nel nostro caso il tema è stato la salvaguardia dell’ambiente e il mito dell’arca di Noè è stata la storia fonte di ispirazione) e si può procedere alla realizzazione di un progetto di gioco.

LEZIONE 1 – BRAINSTORMING

I bambini raccontano tutto quello che sanno del mondo dei videogiochi. Vi accorgerete che sanno molte cose. A partire dal brainstorming il ruolo dell’insegnante sarà quello di riorganizzare le loro conoscenze creando insieme ai bambini un elenco dei generi e inserendo in ogni categoria un esempio fornito dagli stessi studenti.

LEZIONE 2 – GRUPPI DI LAVORO

Dividere i bambini in gruppi di lavoro eterogenei. In ogni gruppo deve essere presente almeno un grafico (bambino abile nel disegno), un designer (bambino esperto di videogiochi che ne conosca la struttura, punteggi, ecc), uno sceneggiatore (bambino che sappia scrivere/descrivere bene). Ogni gruppo in questa fase deve decidere:

  1. genere di video gioco
  2. protagonista e personaggi
  3. ambientazione e scenari
  4. obiettivo del gioco
  5. rischi e pericoli

LEZIONI 3-4 – PROGETTO DEL VIDEOGIOCO

In questa fase i bambini descrivono dettagliatamente l’ambiente del videogioco, il protagonista e l’antagonista sia fisicamente che psicologicamente e ne definiscono la storia (perché si trovano in quel mondo? perché devono compiere quella missione? ecc.), le azioni e le qualità del protagonista e degli altri personaggi, come si misurano le varie azioni (es. quante vite ha? quanti punti perde se….? quanti punti guadagna se….?)

Ogni gruppo deve descrivere 3 livelli di gioco. Ogni livello ha un obiettivo, un ambiente diverso, dei nuovi personaggi o avversari che entrano in azione, un colpo di scena e nuove abilità che il protagonista acquista con il procedere del gioco.

Una volta stilato il progetto il gruppo deve realizzare delle tavole, dei disegni, almeno 1 per ogni livello da utilizzare durante la presentazione finale per rendere più efficace l’esposizione alla classe. Possono realizzare anche uno storyboard e/o disegni dei personaggi.

Infine viene definito un titolo adatto alla storia narrata.

LEZIONE 5 – SCATOLA DEL GIOCO

In plenaria si introduce l’argomento PEGI chiedendo ai bambini se sanno di cosa si tratti e poi approfondendo con il sito https://pegi.info/it. Con l’aiuto dei bambini più esperti si scrivono sul quaderno che cosa debba essere presente sulla scatola del videogioco poi si procede alla progettazione e realizzazione.

LEZIONE 6 – PRESENTAZIONE DEI PROGETTI

I bambini dovranno preparare una presentazione di gruppo con cui devono cercare di convincere degli ipotetici investitori (le maestre) a finanziare il proprio progetto di videogioco. L’insegnante scrive alla lavagna i punti che devono essere illustrati nella presentazione del progetto:

  • fasi di progettazione – chi ha fatto che cosa
  • la storia e l’obiettivo del gioco
  • la storia e le caratteristiche dei personaggi
  • i tre livelli
  • la scatola
  • argomentazioni per convincere che questo videogioco è interessante, divertente e utile quindi deve essere finanziato

Ogni gruppo presenta alla classe il proprio progetto. Ogni individuo del gruppo deve presentarne una parte.

Infine si consegna la scheda di autovalutazione.

Seguimi anche su Instagram:

https://www.instagram.com/maestra_sabretta/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...